Arieggiatori

Arieggiatori : vantaggi ed uso per un giardino più verde.
Arieggiare il prato utilizzando un moderno arieggiatore migliora il manto erboso, utile in primavera, necessario in autunno per pulire il prato in modo adeguato.

Perché arieggiare ? Quali vantaggi apporta l'arieggiatore al prato ?

1 Utilizzare l'arieggiatore permette di eliminare il deposito di materiale vegetale (foglie, rizomi e stolomi) in decomposizione nel nostro prato. Per precisare lo strato di deposito chiamato feltro avente spessore compreso tra 1 e 2 centimetri.
2 Rimuove ed asporta in modo totale o parziale lo strato di feltro dal manto erboso, con un aumento significativo degli scambi gassosi.
3 Consente una maggiore permeabilità dell'acqua durante le fasi di irrigazione. Minore spreco di acqua e maggiore possibilità di ridurre i tempi di irrigazione.
4 Rende il manto erboso verde e sano, l'attività di arieggiatura se eseguita in modo corretto permette di eliminare la maggior parte degli scarti di erba secca dal prato, saranno cosi rimossi dal fondo del tappeto tutte quelle parti non utili alla crescita delle nuove piantine; arieggiando daremo una rinnovata possibilità ai fili d'erba di crescere sani e forti.

Arieggiatori per tutte le esigenze di impiego, sia con motore 4tempi che con motore elettrico per le piccole superfici. Ideali per il aerare il prato, togliere il feltro, ottenendo cosi un manto erboso verde e dall'aspetto curato. Presentiamo inoltre carotatori della nota casa RYAN per la manutenzione stagionale di manti erbosi di agrostide e green golf.
Marchi importanti e di qualità come Oleo Mac, Honda, AlKo, Ryan.
Modelli innovativi come Oleo Mac sono dotati di cesto di raccolta per agevolare il lavoro di raccolta del feltro, le macchine professionali invece non hanno il cesto dato che devono operare su ampie superfici, la raccolta del feltro viene eseguita in un successivo momento con un tosaerba o un trattorino.

Arieggiatura del prato, taglio verticale con coltelli in acciaio:
Dopo una stagione di taglio e cura del nostro giardino, al di sotto del livello del colletto delle piantine d’erba si forma uno spesso strato di deposito di materiale di scarto secco, spesso in decomposizione, composto da fili d’erba e rametti anche in combinazione con del muschio.
Questo spesso deposito viene chiamato in gergo tecnico “feltro” , un sotto tappeto, spesso non visibile, di materiale vegetale secco in grado di rendere impermeabile il terreno e creare allo stesso tempo difficoltà di crescita per nuove piantine e fili d’erba.
Se un prato non viene trattato adeguatamente con l’apposito strumento, l’arieggiatore, le conseguenze per manto erboso di sicuro non saranno buone. Il feltro infatti blocca la maggior parte degli scambi gassosi, riduce la permeabilità facendo ristagnare l'acqua, aumenta inoltre la crescita dannosa e superficiale delle radici delle piante, ed infine aumenta una maggiore sensibilità del tappeto erboso alle malattie.
Grazie ai coltelli verticali, gli arieggiatori assolvono adeguatamente il compito di trattamento del prato ed asportazione del feltro.
Se lo spessore del feltro è superiore ad un centimetro è consigliabile eliminarlo con più passaggi. Il materiale rimosso grazie a questa speciale macchina viene asportato dal prato. L’arieggiatore infatti crea dei tagli verticali prodotti dal gruppo lame in rotazione, alza il feltro e lo deposita al di sopra del manto erboso; sarà poi possibile utilizzare un rasaerba con sacco o un aspiratore per la raccolta completa del secco.
In seguito, tutti i prati arieggiati vengono trattati come segue: 1 ciclo di concime granulare per prati, 1 ciclo di semi misto a sabbia per la crescita di nuove piantine, irrigazione programmata almeno settimanale.

Le promozioni del mese di dicembre